top of page
  • Immagine del redattoreCasa delle Agriculture Tullia e Gino

Preludio 30 agosto con il climatologo Cacciamani, le favole di Calvino e il concerto di Redi Hasa

Sarà Carlo Cacciamani, climatologo di lungo corso nominato nel 2021 da Mattarella direttore dell’Agenzia Nazionale per la Meteorologia e Climatologia, l’ospite principale della seconda giornata di preludi alla Notte Verde, mercoledì 30 agosto.

Il programma della seconda giornata di preludi alla Notte Verde prevede: - h 17-20, Andrano-Parco Comune dei Frutti Minori-Depressa-Castiglione (in bicicletta): La Marcia del Seme. La nuova edizione della Marcia del Seme è in bicicletta. Partenza prevista alle ore 17 dalla sede del Parco regionale Costa Otranto-S.M. di Leuca. Prima tappa: Parco comune dei frutti minori. Seconda e terza tappa alle h 18: aziende in contrada Sant’Elia a Depressa. Quarta tappa, Mulino di Comunità a Castiglione e arrivo in piazza della Libertà.

- 17-19, Giardinetto Angelica Pirtoli- ex scuola elementare, via don Sturzo vedi La Notte Verde delle bambine e dei bambini

- h 17-19, centro storico Castiglione, Scuola di agriculture:

  • Come piantare alberi anche nel deserto. Incontro con Loukmane Sawadogo, associazione Arbres et Arbustes (Burkina Faso), figlio di Yacouba, “l’uomo che ha fermato il deserto piantando alberi” Tramite tecniche di agricoltura tradizionali, tipiche della regione del Sahel, Yacouba Sawadogo da quarant’anni, in Burkina Faso, consegue il recupero di suoli gravemente danneggiati dalla siccità, abbandonati totalmente perché considerati aree desertificate. Il figlio, erede spirituale di questa esperienza, illustrerà la storia e le pratiche portate avanti dal padre.

  • “Al Masha _ Rural commons”. "Campo Para-diso: comunità extraterritoriali di supporto all'azione locale. Il bene comune a partire dalla proprietà privata condivisa". A cura di DAAR, programma post-master al Royal Institute of Art in Stockholm, diretto da Alessandro Petti, professore di Architecture and Social Justice in collaborazione con Judith Wielander, curatrice arte pubblica. Ospiti Bianca Elzanbaumer, presidente di Brave New Alps e Andrea Bagnato, architetto e ricercatore/progetto Terra Infecta.

- h 17-19.30, via Girolamo Comi “Questo filo di pane tra miseria e fortuna”: Residenza artistica partecipata sotto la guida di Gerardo Ferrara, giornalista sardo, direttore artistico di Buon Compleanno Faber e Zalmai Sarwari, con la partecipazione degli anziani di Auser Ponte Andrano-Castiglione e chiunque voglia unirsi. Il pane come tema di incontro comunitario e opportunità di scambio e relazioni, sul delicato confine tra le miserie e gli orrori della deriva sociale di questo tempo di “astio e malcontento” segnato da guerre, carestie, esodo epocale, crisi economiche ed esistenziali, e le tante esperienze, oasi, di (R)esistenza che stanno (ri)seminando grano per (ri)portare questo mondo a terreni di nuova umanità. h 17.30-19.15, “Quarto arco” di Palazzo Bacile Michele Contaldo, “Prima dell’imbrunire” Un pianoforte a coda sulla balconata del palazzo baronale, la musica classica per accompagnare l’armonia della festa.

- h 19.15-20.30, cortile Palazzo Bacile “Italo Calvino. Racconti magici e canti popolari”, spettacolo ispirato a “Fiabe italiane” a cura di Dario Muci. Fiabe italiane è una raccolta di duecento fiabe delle varie tradizioni orali di altrettanti luoghi e regioni d'Italia riunite in volume da Italo Calvino e da lui stesso tradotte e pubblicate nel 1956 per Einaudi. Dario Muci, esperto cantore e conoscitore delle tradizioni popolari, con voce e chitarra ci trasporta nell'immaginario sospeso e senza tempo delle fiabe. Quelle selezionate in questo spettacolo, provenienti da regioni differenti, saranno accompagnate da canti e arie popolari che giungono dalla stessa area geografica: un alternarsi di narrazioni, musiche e dialetti che lasciano lo spettatore incantato, tra pozioni magiche e animali parlanti, tutto nello stesso sogno.

- h 20.45, Piazza della Libertà, Siamo tutti Marcovaldo, lettura teatralizzata di testi di Italo Calvino, a cura di Lorenzo Bertolino;

- h 21.15, Piazza della Libertà, I cambiamenti climatici sono ora. L’influenza sulla geopolitica, Carlo Cacciamani dialoga con Eleonora Migno, economista ed esperta dei diritti delle popolazioni indigene in Amazzonia COSPE Onlus. Carlo Cacciamani è fisico, meteorologo, climatologo, docente, divulgatore e scrittore. Vanta una collaborazione trentennale presso il Servizio IdroMeteoClima (SIMC) di Arpae, di cui è stato Direttore. Nel settembre 2017 è stato chiamato a coordinare il Centro Funzionale Centrale per la gestione del Rischio Meteo-Idrogeologico del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale. Nel 2021 è stato nominato Direttore dell’Agenzia Nazionale per la Meteorologia e Climatologia con Decreto del Presidente della Repubblica.

- h 22.30, Piazza della Libertà, Mediterraneo Contemporaneo. Concerto di Redi Hasa (violoncello) e Rocco Nigro (fisarmonica). Il duo propone un repertorio di brani inediti e melodie inusuali, composizioni ispirate alla ricerca dell'essenzialità. Radici musicali separate dal braccio di mare che tiene insieme le due sponde del mediterraneo, il santuario De Finibus Terrae di Santa Maria di Leuca e le indomabili montagne d'Albania. Da un lato il mantice malinconico di Rocco Nigro, giovane protagonista del Rinascimento Salentino, e dall'altro Redi Hasa, il maestoso violoncellista che da molti anni gira il mondo con Ludovico Einaudi. Due musicisti con storie diverse, ma con un unico respiro e un'identica visione dei poteri taumaturgici della musica.

37 visualizzazioni0 commenti
bottom of page