top of page
  • Immagine del redattoreCasa delle Agriculture Tullia e Gino

Non moriremo deserto: Sawadogo ospite d'eccezione della Notte Verde

L’ospite d’eccezione della dodicesima edizione della Notte Verde arriva dal Burkina Faso: Loukmane è il figlio di Yacouba Sawadogo e suo erede spirituale. Quest’ultimo, ormai ultraottantenne, è l’agricoltore burkinabè conosciuto a livello mondiale come “l’uomo che ha fermato il deserto”: per quarant’anni ha piantato alberi in pieno deserto con la tecnica ancestrale delle fosse “zai”. A lui nel 2018 è stato riconosciuto il premio “Right Livelihood Award”, noto come “premio Nobel alternativo”, e nel 2020 il Programma dell’Onu per l’ambiente gli ha conferito quello di “Campioni della Terra”.

Aprirà la serata del 31 agosto sul palco centrale della Notte Verde, nel dialogo "Non moriremo deserto, la resistenza dei popoli e le migrazioni climatiche" con Virginia Meo, presidentessa del Gus, Gruppo Umana Solidarietà.

Gli appuntamenti con Sawadogo nella Notte Verde 2023:

  • Job day, "Agricoltura naturale, territori, comunità, h. 19-20: Agri-aperitivo e dialogo con Loukmane Sawadogo, associazione Arbres et Arbustes. Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", Castiglione d'Otranto, dalle ore 17:00

  • Preludio 30 agosto, Piazza della Libertà, h 17-19,Scuola di Agriculture - Come piantare alberi anche nel deserto.

51 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


bottom of page