• Casa delle Agriculture Tullia e Gino

Il programma della Notte Verde - X edizione

Aggiornamento: ago 25

Clicca qui per scaricare il programma completo:

Programma_Broch_def
.pdf
Download PDF • 13.01MB

Grafiche: Camilla Solombrino


I margini come spazio della sperimentazione, le utopie come geografia dell'inesplorato, le agriculture come arnesi del possibile. La comunità come scelta, l'unica per superare gli individualismi, dare valore alle differenze, ricomporre i conflitti senza tralasciarli.

La Notte Verde torna perché è necessaria: radicale e politica, capace di affrontare il passato senza scivolare nelle nostalgie, in grado di bussare alle avanguardie culturali nazionali e mondiali per farle ragionare assieme a noi sul qui ed ora del Salento e dell'Italia. Un'operazione possibile grazie anche al progetto Confederacy of Villages, la rete di scambi internazionali che collega alla nostra altre quattro iniziative artistiche socialmente impegnate che operano nelle comunità rurali di tutta Europa: in Spagna, con la capofila Campo Adentro, oltre che in Inghilterra, Svezia e Armenia.


Questo decennale, che gode del patrocinio del Comune di Andrano, segna il passaggio dall'analisi alla proposta su alcuni dei maggiori temi che da tempo vedono impegnata Casa delle Agriculture, nelle sue articolazioni di associazione e cooperativa. Il filo conduttore di tutte le giornate è la restanza, ovvero come restare o tornare nei paesi che si spopolano con sguardo nuovo e non come “un'anima morta”, cogliendone le luci e le ombre, le opportunità e gli affanni. Restanza significa sperimentare, costruire innovazioni economiche, sociali e culturali. Ma non significa improvvisare: sono ineludibili approfondimento e confronto, dentro e fuori il proprio territorio. La Notte Verde porta con sé la fatica dello studio e del ragionamento, la perseveranza nell'intessere lo scambio con altre realtà, la lucidità di voler osare, ancora una volta, per far capire a tutti che ogni luogo può essere il centro del mondo. A patto di “invertire lo sguardo, guardare all'Italia intera muovendo dai margini, dalle periferie”, secondo la lezione di Riabitare l'Italia, per dare il giusto valore a quelle parti del Paese “che soffrono di particolari difficoltà e che al tempo stesso costituiscono inesplorate opportunità di coesione, di solidarietà, di eguaglianza”. Come la nostra.


La Notte Verde è festa inclusiva, accessibile a persone con disabilità, anziani e a neomamme e donne incinte. Previsto l'abbattimento di barriere architettoniche, parcheggi riservati su prenotazione (388/4412129), servizio “salta la fila”, spazio dedicato per allattamento e cambio pannolini, vademecum per accogliere bambini e persone con autismo.


Il programma:

27 AGOSTO:

RISVEGLIO AGRICOLO

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto, su prenotazione: 328/5469804-

h 6:30-8 Preparazione terreno e semina della Pastinaca di Tiggiano. La carota giallo-viola di Tiggiano, conosciuta come Pestanaca di Sant'Ippazio, è una varietà locale di carota coltivata quasi esclusivamente nei territori di Tiggiano, Tricase e Specchia. Deve la sua sopravvivenza al legame con la devozione popolare verso Sant'Ippazio, santo orientale protettore della virilità. E' un prodotto eccellente dal punto di vista organolettico: gustosa e croccante, ha un elevato contenuto di fibre e proprietà antinfiammatorie e antiossidanti di gran lunga superiori a quelle delle varietà di carota più comuni(cfr. Salentokm0).

h 8:15- 9:15 "Ricaricarsi di energia": yoga e respiri profondi con il maestro Aldo Colluto. A seguire, infuso e colazione energizzante (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/7360408)


L'ALBA DEI PAESI

h. 8-10

SPONGANO:

-Ritrovo presso la stazione ferroviaria-:

Colazione con fichi biotipo salentino (varietà melanzana e dottato) raccolti all'alba da Roberto De Giorgi, vivaista ed esperto di frutti minori. Segue visita animata nel centro storico con Luigi Mengoli e l'associazione Fabbricare Armonie (su prenotazione, max 25 persone: 328/7360408)


ATTRAVERSAMENTI

h.7:00-9:00 Sentieri a cavallo con Cavalieri del Salento (su prenotazione: 380/5850268)

h.8:00-13:00

Esperienze psicomotorie funzionali in acqua in Marina di Andrano, presso Lido Swim-Liberi di nuotare, struttura inclusiva dei diversi livelli di abilità (su prenotazione: 389/980 6113)

h.10:15-13:00/h.15-17.30 Esperienze in kayak dalla cala Acquaviva a Marina di Andrano con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231) :

h 17:00-19:30: Bike tour con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231)


AL VIVAIO DELL'INCLUSIONE - LABORATORIO PER BAMBINI

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto-

h. 17:15-19:15 "Terra bene comune": laboratorio di esperienze naturali con la biologa Alessandra Tarantino (per bambin* dai 6 ai 12 anni). Passeggiata rurale alla scoperta della macchia mediterranea (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 329/4066530)


PARLAMENTI RURALI

(max 25 persone per laboratorio. Info e prenotazioni: 320/8379571)

- Processo di partecipazione 1: il recupero delle acque nelle aree rurali

- Processo di partecipazione 2: nuovi abitanti nei paesi in via di spopolamento


IL PANE E LE ROSE

-Area Trice, Via Depressa-

H. 19:30-20:30

Interazioni culinarie tra ortive stagionali, carni da allevamento non intesivo, uova di galline allevate all'aperto, vini rossi e maestri birrai, agricoltori del restare, fornai poeti e poeti fornai, economie possibili. Degustazioni dal lavoro di Macelleria Agostinello (Specchia), Forno Sette Croste (Galatina), Cooperativa Casa delle Agriculture (Castiglione), Allevamento Galline di Nuzzo Michele (Marittima) e pastificio La Tricasina (preferibile prenotazione: 366/5471708).


PRATICARE LA RESTANZA

-Area Trice, Via Depressa-

(per dialoghi e concerto: accesso con green pass, fino ad esaurimento posti, info: 3884412129;

per dialoghi e dibattiti sarà presente interprete LIS)

h.20:15 Benvenuto al decennale Notte Verde; h 20:30 "Beni comuni e conversione ecologica", Lectio magistralis di Giannozzo Pucci, direttore di Lef (Libreria Editrice Fiorentina)


Dialogo Spopolamento, politiche pubbliche per invertire la rotta:

con Filippo Barbera, professore ordinario di Sociologia dei processi economici e del lavoro, Università di Torino; Francesco Monaco, project manager SiBater-Banca della Terra (Anci-Ifel) e già coordinatore SNAI; Piero Lacorazza, direttore di Civiltà Appennino. Coordina Tiziana Colluto, pres. Casa delle Agriculture Tullia e Gino

h 22:30 Concerto live di Antonio Castrignanò e Claudio Prima

Due musicisti simbolo delle nuove strade della tradizione salentina, protagonisti nell'ultimo ventennio della scena della riscoperta e della riproposta e insieme, dal 2004 al 2015, sul palco della Notte della Taranta. Organetto e tamburo si incontrano in un progetto inedito, nel quale giocano a ibridare le loro nuove composizioni in un repertorio coinvolgente e toccante, che dà il segno di come la musica tradizionale sia in continuo movimento.


28 AGOSTO:

RISVEGLIO AGRICOLO

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto, su prenotazione: 328/5469804-

h 6:30-8 Conservazione e catalogazione dei semi.

La nostra idea di agricoltura naturale presuppone la conservazione e l'autoproduzione delle sementi, che consentono di salvaguardare la biodiversià locale e uscire dalla standardizzazione varietale, evitando anche l'utilizzo di microplastiche, diserbanti e funghicidi nella fase di germinazione dei semi e di crescita delle piantine (cfr. Salentokm0).

h 8:15- 9:15 "Ricaricarsi di energia": yoga e respiri profondi con il maestro Aldo Colluto. A seguire, infuso e colazione energizzante (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/7360408)


L'ALBA DEI PAESI

h. 8-10

DISO:

-Ritrovo in Piazza Carlo Alberto-

Colazione con miele millefiori dell'apiario collettivo di Casa delle Agriculture, condotto dall'apicoltore Fabrizio Contaldo in contrada Paradisi a Castiglione, con tostarelle di grano Gentil Rosso macinato a pietra nel Mulino di Comunità. Segue visita animata nel centro storico in collaborazione con Pro Loco (su prenotazione, max 25 persone: 328/7360408)


ATTRAVERSAMENTI

h 7:00-9:00

Sentieri a cavallo con Cavalieri del Salento (su prenotazione: 380/5850268)

h.10:15-13:00/15-17.30 Esperienze in kayak dalla Marina di Andrano all'insenatura Acquaviva con "18° Meridiano" (su prenotazione: 351/9970029)


AL VIVAIO DELL'INCLUSIONE - LABORATORIO PER BAMBINI

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto-

h. 17:15-19:15 "Terra bene comune": laboratorio di esperienze naturali con la biologa Alessandra Tarantino (per bambin* dai 6 ai 12 anni). Studio degli elementi naturali e messa a dimora di ghiande ed altri semi (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, info: 329/4066530)


PARLAMENTI RURALI

(max 25 persone per laboratorio. Info e prenotazioni: 320/8379571)

- Processo di partecipazione 1: il recupero delle acque nelle aree rurali

- Processo di partecipazione 2: nuovi abitanti nei paesi in via di spopolamento


IL PANE E LE ROSE

-Area Trice, Via Depressa-

H. 19:30-20:30

Interazioni culinarie tra ortive stagionali, carni da allevamento non intesivo, uova di galline allevate all'aperto, vini rossi e maestri birrai, agricoltori del restare, fornai poeti e poeti fornai, economie possibili. Degustazioni dal lavoro di Macelleria Agostinello (Specchia), Forno Sette Croste (Galatina), Cooperativa Casa delle Agriculture (Castiglione), Allevamento Galline di Nuzzo Michele (Marittima) e pastificio La Tricasina (preferibile prenotazione: 366/5471708).


PRATICARE LA RESTANZA

-Area Trice, Via Depressa-

(per dialoghi e concerto: accesso con green pass, fino ad esaurimento posti, info: 3884412129;

per dialoghi e dibattiti sarà presente interprete LIS))

h.20:15 Conversazione tra Françoise Vergès, teorica politica e attivista femminista, Alessandra Pomarico e Daniela Festa, collettivo M.E.D.U.S.E. (Mediterranean Ecofemminist Decolonial Union for Self Education)

Dialogo Donne, cardine dei processi di restanza

con Claudia Licheri, Sardinia Spop Tourism; Maria Cristina Rizzo, Fondazione Le Costantine; Maria Assunta Piscopiello, PisMar Food Srl; Letizia Bindi, docente di Antropologia delle migrazioni, Università del Molise. Coordina Valentina Murrieri, giornalista

h 22:30 Proiezione di "In questo mondo" di Anna Kauber

Opera pluripremiata, vincitrice anche del Torino film festival 2018 come miglior documentario. Racconta la vita delle donne pastore in Italia ed è il risultato di un viaggio durato più di due anni, lungo circa 17mila km, con cento interviste rivolte a donne di età compresa tra i 20 e i 102 anni. La figura del pastore, nell’immaginario e nella simbologia più diffusa, è sempre stata associata al genere maschile, ma il settore dell’allevamento ovi-caprino si sta femminilizzando: sempre più donne scelgono di svolgere questo lavoro tradizionalmente patriarcale. Al termine della proiezione, dialogo in collegamento con la regista Anna Kauber.


29 AGOSTO:


RISVEGLIO AGRICOLO

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto, su prenotazione: 328/5469804-

h 6:30-8 Preparazione "Ruddhra", semenzaio per riproduzione piante madri di Mugnolo Leccese

Il Mugnolo è un raro ortaggio della famiglia delle Brassicaceae, la stessa dei cavoli. È varietà di antico utilizzo, presenta fusto alto e larghe foglie di un verde scuro, il fiore è bianco. L’esistenza di diversi ecotipi permette di gustarlo fino alle porte della primavera. E' protagonista di un arcaico piatto rituale consumato in alcuni paesi del Salento orientale: la "Massa di San Giuseppe" (cfr. Salento km0).

h 8:15- 9:15 "Ricaricarsi di energia": yoga e respiri profondi con il maestro Aldo Colluto. A seguire, infuso e colazione energizzante (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/7360408)


L'ALBA DEI PAESI

h. 8-10

CASTIGLIONE:

-Ritrovo presso Area Trice / Mulino di Comunità-

Colazione con uva di terra d'Otranto (varietà uva Rosa, uva pizzutello bianco, uva Paulu) raccolta all'alba da Roberto De Giorgi, vivaista ed esperto di frutti minori. Segue visita animata nel centro storico in collaborazione con Pro Loco Andrano e Auser (su prenotazione, max 25 persone: 328/7360408)

L'isola del tesoro: h 8/12.00

Caccia al tesoro letteraria tra le campagne e il borgo di Castiglione, nell'ambito di Leggere tra due mari con Auser Ponte Andrano-Castiglione, Casa delle Agriculture Giovani, ProLoco Andrano, Università Popolare di Galatina.


ATTRAVERSAMENTI

h.7:00-9:00 Escursione in Mountain Bike nel Parco Otranto-Leuca con MTB Tricase (con Mountain Bike propria oppure a noleggio su richiesta, info: 328/7360408) h 7:00-9:00

Sentieri a cavallo con Cavalieri del Salento (su prenotazione: 380/5850268)

h 10:15-13 :00/ h 15-17.30 :Esperienze in kayak dalla Marina di Andrano all'insenatura Acquaviva con "18° Meridiano" (su prenotazione: 351/9970029)


AL VIVAIO DELL'INCLUSIONE - LABORATORIO PER BAMBINI

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto-

h 17:15-19:15 "Terra bene comune": laboratorio di esperienze naturali con la biologa Alessandra Tarantino (per bambin* dai 6 ai 12 anni). Percorso sensoriale delle piante aromatiche e realizzazione di un erbario (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, info: 329/4066530)

h 17:15 "Di segni con divisi", laboratorio per adolescenti, giovani e migranti. A cura di Ruggero Asnago e Elena Campa (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, info: 329/4066530)


PARLAMENTI RURALI

h. 17:15-19:15

(max 25 persone per laboratorio. Info e prenotazioni: 320/8379571)

- Processo di partecipazione 3: accesso alla terra per superare frammentazione e latifondo

- Processo di partecipazione 4: Riforestare, azioni inderogabili e resistenza alle speculazioni


IL PANE E LE ROSE

-Area Trice, Via Depressa-

H. 19:30-20:30

Interazioni culinarie tra ortive stagionali, carni da allevamento non intesivo, uova di galline allevate all'aperto, vini rossi e maestri birrai, agricoltori del restare, fornai poeti e poeti fornai, economie possibili. Degustazioni dal lavoro di Macelleria Agostinello (Specchia), Forno Sette Croste (Galatina), Cooperativa Casa delle Agriculture (Castiglione), Allevamento Galline di Nuzzo Michele (Marittima) e pastificio La Tricasina (preferibile prenotazione: 366/5471708).


PRATICARE LA RESTANZA

-Area Trice, Via Depressa-

(per dialoghi e concerto: accesso con green pass, fino ad esaurimento posti, info: 3884412129;

per dialoghi e dibattiti sarà presente interprete LIS)

h. 20:15 Presentazione del libro "Terra bruciata" con Stefano Liberti, scrittore e giornalista. Modera Corrado Punzi, sociologo e regista

h. 21:15

Dialogo Terra: strumenti per superare abbandono, frazionamento e latifondo

con Gerardo Borriello, Associazione fondiaria Oasi Vesuvio (Napoli); Carlo Ragazzi, Consorzio Uomini di Massenzatica (Ferrara); Oreste Torri, cooperativa di comunità Valle dei Cavalieri di Succiso (Reggio Emilia); Annamaria Vitale, Progetto Ruralization-Centro Studi Sviluppo Rurale Università della Calabria. Coordina Virginia Meo, Oltre Mercato Salento.

h. 22:30 Spettacolo teatrale "Mio nonno e il mulo" di Giuseppe Semeraro Ispirato al racconto “La strada” di V. Grossman, “Mio nonno e il mulo” racconta di un bambino e del suo amato mulo. Prima il mulo e poi il bambino saranno spediti al fronte. I loro destini si separeranno, ma vivranno la stessa immane tragedia. La guerra è rievocata attraverso i ricordi del nonno del bambino, ma soprattutto attraverso gli occhi del mulo, ancora più straniati nella follia umana. Dalle amare vicende raccontate emergono piccoli accadimenti, indizi di un bene ancora possibile anche in guerra. Quel bene che può esplodere senza logica, proprio come il male. Mio nonno e il mulo è un racconto sulla forza cocciuta dell’amore ed è adatto ad adulti e bambini.


30 AGOSTO


RISVEGLIO AGRICOLO

-Vivaio dell'Inclusione Luigi Russo, Via Vecchia Lecce, Castiglione d'Otranto, su prenotazione: 328/5469804-

h 6:30-8 Raccolta, pulitura ed essiccazione dei peperoni Vardaceli (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/5469804).

Sino ad alcuni anni fa, molte ortive estive venivano lavorate e trasformate per poi essere utilizzate durante l'inverno. Tra le provviste non poteva mancare il "peperocino pisatu", peperone rigorosamente Vardaceli essiccato al sole e poi tritato negli antichi macinini del caffé (cfr. Salentokm0).

h 8:15- 9:15 "Ricaricarsi di energia": yoga e respiri profondi con il maestro Aldo Colluto. A seguire, infuso e colazione energizzante (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/7360408)


L'ALBA DEI PAESI

h. 8-10

MARITTIMA:

-Ritrovo in Piazza Principe Umberto-

Colazione con fichi d'India biotipo salentino (varietà sanguigna, sulfarina e bianca), raccolti all'alba da Roberto De Giorgi, vivaista ed esperto di frutti minori. Segue visita animata nel centro storico in collaborazione con Pro Loco (su prenotazione, max 25 persone:328/7360408)


ATTRAVERSAMENTI

h 10:30-13.00

Trekking nel canalone Acquaviva con COSPE e Parco Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase (su prenotazione: 328/7360408)

h.10:15-13:00/h.15:00-17.30 Esperienze in kayak dalla cala Acquaviva a Marina di Andrano con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231)

h 17:00-19:30 Bike tour con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231)


AL VIVAIO DELL'INCLUSIONE - LABORATORIO PER BAMBINI

h 17:15/19:15 Parole terra terra: laboratorio di scrittura creativa ed espressione teatrale (per bambin* dai 6 ai 12 anni) con Stefania Semeraro (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, info: 329/4066530)

17:15 "Di segni con divisi", Laboratorio per adolescenti, giovani e migranti. A cura di Ruggero Asnago e Elena Campa (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, info: 329/4066530)


PARLAMENTI RURALI

h.17:15-19:15

(max 25 persone per laboratorio, info e prenotazioni: 320/8379571)

- Processo di partecipazione 3: accesso alla terra per superare frammentazione e latifondo

- Processo di partecipazione 4: Riforestare, azioni inderogabili e resistenza alle speculazioni


IL PANE E LE ROSE

-Area Trice, Via Depressa-

H. 19:30-20:30

Interazioni culinarie tra ortive stagionali, carni da allevamento non intesivo, uova di galline allevate all'aperto, vini rossi e maestri birrai, agricoltori del restare, fornai poeti e poeti fornai, economie possibili. Degustazioni dal lavoro di Macelleria Agostinello (Specchia), Forno Sette Croste (Galatina), Cooperativa Casa delle Agriculture (Castiglione), Allevamento Galline di Nuzzo Michele (Marittima) e pastificio La Tricasina (preferibile prenotazione: 366/5471708).


PRATICARE LA RESTANZA

-Area Trice, Via Depressa-

(per dialoghi e concerto: accesso con green pass, fino ad esaurimento posti, info: 3884412129;

per dialoghi e dibattiti sarà presente interprete LIS)

h 20:15 Lancio della campagna nazionale AMAzzonia di COSPE Onlus con Giorgio Menchini, presidente; Eleonora Migno, vicepresidente; Mario Spezia, pres. associazione “Il Carpino” e responsabile Fondo Alto Borago (Verona). Con collegamenti da Manaus (Brasile) con Angelo Ferracuti, scrittore, e Giovanni Marrozzini, fotografo; da Bogotà (Colombia) con Roberto Bensi, COSPE, responsabile progetto con comunità amazzonica "Ukumari Kankhe".

h. 21:15

Dialogo Riforestazione, finanza e greenwashing: quale spazio per le comunità?

con Monica Frassoni, Presidente European Alliance to Save Energy; Stefano Vergine, giornalista Il Fatto Quotidiano; Raoul Romano, Ricercatore presso il Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia - Osservatorio Foreste del CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria); Massimiliano Sanfilippo, esperto di gestione degli ecosistemi forestali tropicali. Coordina Ada Martella, giornalista

h 22:30 Live di Rachele Andrioli e Coro_a_CoroIdeato e diretto da Rachele Andrioli, Coro_a_ Coro è un laboratorio di canto polifonico in continua evoluzione per donne che amano cantare. Si attraversano musiche popolari e d’autore dal mondo, si scopre la forza terapeutica del canto. In un’epoca caratterizzata da timore, incertezza ed apatia, Coro_a_ Coro vuole essere un piccolo argine con il quale la musica costruisce ponti, accoglie, lenisce: è un impasto al femminile di voci, cultura e svago.


31 AGOSTO:

RISVEGLIO AGRICOLO

h 8:15- 9:15 "Ricaricarsi di energia": yoga e respiri profondi con il maestro Aldo Colluto.

A seguire, infuso e colazione energizzante (Vivaio dell'Inclusione "Luigi Russo", via Vecchia Lecce, su prenotazione: 328/7360408)


L'ALBA DEI PAESI

h. 8-10

ANDRANO:

-Ritrovo in Piazza Castello-

Colazione con pere biotipo salentino (varietà perino cannella, perino paccia rossa e perino pelene) raccolte all'alba da Roberto De Giorgi, vivaista ed esperto di frutti minori. Segue visita animata nel centro storico in collaborazione con Pro Loco e Auser (su prenotazione, max 25 persone: 328/7360408)


ATTRAVERSAMENTI

h 7:00-9:00 Sentieri a cavallo con Cavalieri del Salento (su prenotazione: 380/5850268)

h 8:00-13:00 Esperienze psicomotorie funzionali in acqua in Marina di Andrano, presso Lido Swim-Liberi di nuotare, struttura inclusiva dei diversi livelli di abilità (su prenotazione: 389/980 6113)

h.10:15-13:00/h.15-17.30 Esperienze in kayak dalla cala Acquaviva a Marina di Andrano con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231)

h 17:00-19:30 Bike tour con "Salento Verticale" (numero minimo 6 partecipanti, su prenotazione: 348/3062231


TRANSUMANZA, PIANTE E GENTI IN CAMMINO:

h.17:00

-Ritrovo per pre-triage presso il Mulino di Comunità / Area Trice, Castiglione d'Otranto- Un altro sguardo su ciò che si ha intorno matura camminando a piedi. La transumanza serve per allenarsi a questo. Il percorso, di circa 4 chilometri, esplora i tratturi riaperti da coop. Casa delle Agriculture, su mandato del Parco Otranto-Leuca, in contrada Sant'Elia, lungo le mulattiere che un tempo, ogni 20 luglio, i contadini battevano in pellegrinaggio per chiedere al santo la pioggia, acqua per i campi arsi dal sole. Da lì si va verso contrada Pajare e casino Sant'Angelo, dove fino a metà Ottocento si teneva, ogni 2 ottobre, una fiera agricola. Poi, dopo aver attraversato il centro di Castiglione, si torna in area Trice: qui, ogni 22 luglio, si teneva la fiera di Santa Maria Maddalena, nota come "fiera delle cipuddre", evento di origine medievale nel quale si fissava il prezzo dei cereali per tutto il circondario.


IL PANE E LE ROSE

-Area Trice, Via Depressa-

H. 19:30-20:30

Interazioni culinarie tra ortive stagionali, carni da allevamento non intesivo, uova di galline allevate all'aperto, vini rossi e maestri birrai, agricoltori del restare, fornai poeti e poeti fornai, economie possibili. Degustazioni dal lavoro di Macelleria Agostinello (Specchia), Forno Sette Croste (Galatina), Cooperativa Casa delle Agriculture (Castiglione), Allevamento Galline di Nuzzo Michele (Marittima) e pastificio La Tricasina (preferibile prenotazione: 366/5471708).


PRATICARE LA RESTANZA

-Area Trice, Via Depressa-

(per dialoghi e concerto: accesso con green pass, fino ad esaurimento posti, info: 3884412129;

per dialoghi e dibattiti sarà presente interprete LIS)

h.21:00 Presentazione dell'instant report dei Parlamenti Rurali h.22:00 Maria Mazzotta, Amoreamaro Live tour, con Maria Mazzotta, voce e percussioni, e Antonino De Luca, fisarmonica

Un'intensa e appassionata riflessione da un punto di vista femminile sui vari volti dell'amore: da quello grande, disperato e tenerissimo a quello malato, possessivo e abusato. È “Amoreamaro”, il nuovo album di Maria Mazzotta, tra le personalità musicali più emblematiche del Sud Italia. L'album, pubblicato a gennaio 2020, ha ottenuto un grande riscontro dal pubblico e dalla critica. Maria Mazzotta è stata tra i cinque finalisti delle Targhe Tenco 2020 nella sezione “Interprete di canzoni”.


LE MOSTRE

Dal 26 al 31 agosto

MARZIA MIGLIORA. PARADOSSI DELL’ABBONDANZA

26-31 agosto 2021, Area Trice, facciate del Mulino di Comunità e Chiesa di Santa Maria Maddalena, Castiglione d’Otranto (LE)

Marzia Migliora è un’artista che usa un’ampia gamma di linguaggi, tra cui fotografia, video, suono, performance, installazione e disegno, per creare opere che elevano le più semplici attività umane a momenti in grado di raccontare stralci di storia collettiva. Le tematiche ricorrenti nel suo lavoro sono la memoria come strumento di articolazione del presente e l’analisi dell'occupazione lavorativa come affermazione di partecipazione alla sfera pubblica. In occasione della decima edizione della Notte Verde di Castiglione, nel contesto dei temi urgenti esplorati nel laboratorio politico del festival attraverso il dialogo diretto con i cittadini, l’artista interviene per le strade di Castiglione con una serie di affissioni pubbliche di grandi dimensioni con soggetto i collage e disegni appartenenti alla serie Paradossi dell’abbondanza (2017—2021). Il titolo è preso a prestito da un capitolo del libro Una storia commestibile dell’umanità del giornalista inglese Tom Standage che, nel suo saggio, ripercorre una certa idea di modernità attraverso la storia dell’agricoltura e del suo asservimento alla produzione di cibo come merce: con l’introduzione di monoculture, produzioni intensive, pesticidi, organismi geneticamente modificati e quanto ha permesso un presunto dominio dell’uomo sui cicli naturali della germinazione. Migliora ha quindi realizzato una serie di collage che mescolano la tecnica del disegno alla tradizione del papier collé, per raccontare le contraddizioni vissute in campo agricolo dalla prospettiva dagli agricoltori stessi, che fossero questi gli stagionali migranti dei nostri giorni, i braccianti delle piantagioni coloniali, oppure più semplicemente provenienti dal background contadino familiare dell’artista e dalla storia della sua famiglia. Le giustapposizioni rivelano l’intreccio di immaginari differenti, relativi a momenti storici diversi ma prossimi l’uno col l’altro, perché caratterizzati da un rapporto di dominio, controllo e sfruttamento dell’uomo nei confronti del mondo naturale. Il paradosso, come forma retorica, serve sia ad illuminare l’assurdità di una situazione, ma anche per illustrare un senso di possibilità e di metamorfosi in giustapposizioni impreviste e generative di nuovi immaginari. (testo di Matteo Lucchetti, curatore).


A CIELO APERTO “PER FARE UN TAVOLO. ARTE E TERRITORIO”

a cura di Bianco-Valente e Pasquale Campanella.

Evento di “Comunità Resilienti”, a cura di Alessandro Melis, Padiglione Italia alla 17. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Dal 26 al 31 agosto, mostra di arte pubblica per i vicoli del centro storico di Castiglione d’Otranto (LE) in occasione del decennale della Notte Verde. Inizio del percorso Piazza della Libertà Per i muri del centro storico di Castiglione una selezione di 13 manifesti (dei 34 complessivi) incentrati su temi quali arte e territorio, mediazione politica, ruralità, localismo consapevole, bene comune, economie sostenibili. I manifesti prodotti sono da considerarsi come un dialogo fra diversi punti di vista, con l’intento di non armonizzare le differenze ma, al contrario, sottolinearle, facendo emergere un’altra Italia: quella delle aree interne. L’ intervento di arte pubblica, realizzato da urbanisti, architetti, artisti, storici dell’arte, sociologi, antropologi, economisti e geografi, sperimenta metodi di comunicazione che non esulano da un confronto “stretto” con la storia locale, non nella direzione di un ripristino del folklore o di un passato che non c’è più, ma spostando l'attenzione dall'oggetto al processo, dal materiale alla narrazione, dallo spazio alla comunità, in termini di nuove possibilità culturali. L’installazione per la Notte Verde 2021 comprende opere di: Aperto_art on the border, Federico Bacci, Ca’Mon, Leone Contini, Luigi Coppola, Pietro Gaglianò, Lucia Giardino, Guilmi Art Project, Interferenze / Liminaria, Alessandra Pioselli, Daniela Poli, Rete Nazionale Giovani Ricercatori Aree Interne, Riabitare l'Italia, Carmela Rinaldi, Vincenzo Tenore, Ivano Troisi, +tstudio, Veronica Vitale. Associazione Culturale Vincenzo De Luca L’attività di A Cielo Aperto è sostenuta dall’Associazione Culturale Vincenzo De Luca che ha avviato da molti anni una ricerca sulle pratiche dell’arte in relazione alle specificità del territorio, con l’intervento di artisti in residenza per la realizzazione di un museo all’aperto a Latronico in Basilicata. Ha promosso, autofinanziandosi, il progetto A Cielo Aperto, a cura di Bianco-Valente e Pasquale Campanella, un’occasione per fare il punto sul senso e sui possibili sviluppi dell’arte in relazione a un contesto locale e alle sue specificità. www.associazionevincenzodeluca.com

4,122 visualizzazioni0 commenti