• Casa delle Agriculture Tullia e Gino

UN NUOVO DIRETTIVO PER CASA DELLE AGRICULTURE

Aggiornato il: feb 5

A maggioranza under35, in prevalenza femminile, rispettoso della rappresentanza territoriale degli associati, variegato nella composizione e nelle competenze: è il nuovo Consiglio direttivo di Casa delle Agriculture Tullia e Gino, votato durante l’assemblea generale del 23 ottobre 2020, che ha anche confermato all’unanimità la presidente uscente, Tiziana Colluto. Come previsto nel nuovo statuto dell’associazione, approvato nello stesso giorno, il direttivo resterà in carica per tre anni e si confronterà in maniera serrata con quello della “nostra” cooperativa agricola Casa delle Agriculture, essendo comune e unico il percorso.

Di seguito il profilo dei consiglieri e della presidente e le deleghe che cureranno.


Gianluca Rizzo, 15 anni, di Castiglione D'Otranto.

Consigliere

Frequenta il secondo anno del liceo scientifico sportivo. Ha sempre cercato di dare una mano nelle iniziative proposte da Casa delle Agriculture e non solo. Quest'anno si è avventurato candidandosi nel nuovo direttivo del quale è il consigliere più giovane. Si occuperà del coinvolgimento della comunità locale e, in particolare, dei giovani, un tassello considerato fondamentale anche per rafforzare nel tempo l’associazione. Crede di poter svolgere il suo incarico al meglio anche grazie alle sue amicizie con la maggior parte delle ragazze e dei ragazzi del paese, per questo non ha esitato neanche un secondo quando gli è stata proposta questa delega.


Chiara Vacirca, nata a Prato, dove ha vissuto fino al recente trasferimento a Lecce.

Consigliera

Classe 1992, laureata in Arti Visive, è curatrice e PhD Student in Human and Social Sciences presso l’Università del Salento; si occupa di rigenerazione territoriale a base culturale, con un’attenzione alle pratiche artistiche socialmente impegnate. La appassionano le relazioni umane e non-umane; la ricerca delle interconnessioni profonde che generano la vita, oltre ogni monocoltura della mente. I semi. Il canto. Nell’associazione si occuperà di fundraising, innovazione nelle dinamiche di gruppo, arte pubblica, agro-forestazione e del progetto europeo Confederacy of Villages.


Paola Panico, 23 anni, di Andrano. Studentessa di Lingue, Culture e Letterature Straniere presso l'Università del Salento.

Consigliera

Amante della natura, del mare e delle stelle. Attiva nel mondo del volontariato sin dai primi anni del liceo fino ad entrare nella famiglia di Casa delle AgriCulture, condividendone ideali, visioni e l’importanza data alla comunità, dai piccoli agli anziani. Ha una grande predisposizione verso i bambini. Ha collaborato, infatti, come educatrice nei campiscuola estivi “Terra Libera Tutti” e nel progetto "Verso l'Agriludoteca di comunità", di cui ha deciso di portare avanti lo sviluppo. Si impegnerà anche a curare il rapporto con la Scuola, essendo legata all'idea che l'istruzione e la formazione in tutte le sfaccettature siano valori fondamentali. Crede che i limiti sociali si possano superare, se in qualcosa si crede veramente.


Emanuele Panico, di Castiglione d'Otranto, classe 1999.

Consigliere

Studia Ingegneria industriale all'Università del Salento. È attivo nel mondo dell'associazionismo locale da diversi anni perché crede fortemente nella partecipazione attiva della comunità. Crede, inoltre, che la tutela e la salvaguardia dell'ambiente siano un diritto e un dovere dei cittadini, motivo per il quale intende impegnarsi per promuovere un futuro sostenibile e proteggere la biodiversità. Ha la delega all’ecologia (in particolare, lotta ai pesticidi, allo spreco di acqua, strategia rifiuti zero) e si occuperà dell’apiario collettivo.


Dalila Longo, classe 1986, di Castiglione d’Otranto.

Segretaria e tesoriera

Laureata in Lingue moderne per la comunicazione e cooperazione internazionale. Lavora come coordinatrice in un progetto di accoglienza per uomini singoli e famiglie. Ha vissuto in diverse città europee per poi ristabilirsi nel Salento nel 2015. È una persona creativa: le piace inventare, creare, cimentarsi in nuove esperienze. Adora passeggiare a piedi o in bici tra le campagne e scoprire posti nuovi del nostro territorio. Ha una naturale predisposizione nei confronti dei bambini, motivo per il quale ha deciso di portare avanti il progetto "Verso l'Agriludoteca di comunità", di cui è co-coordinatrice assieme a Paola. Curerà, inoltre, la delega all’ecoturismo di comunità.


Giovanna Nuzzo, 23 anni, di Castiglione d'Otranto.

Vicepresidente

Frequenta l'ultimo anno di Giurisprudenza presso l'Università di Bologna. E' impegnata nel volontariato da quando aveva tredici anni con associazioni locali e successivamente con Casa delle Agriculture, nella quale ha maturato la predisposizione verso i bisogni e le problematicità della comunità tutta. Ha già curato il settore della comunicazione dell’associazione e continuerà ad occuparsene. Inoltre, sarà impegnata sul versante della Giustizia sociale e dell'Inclusione sociale, credendo profondamente nei valori della contaminazione e della cooperazione affinché un altro mondo sia possibile davvero.

Rappresenta Casa delle Agriculture nel direttivo di Cospe Onlus.


Tiziana Colluto, classe 1984, di Castiglione d’Otranto.

Presidente

Mamma di Giovanni, giornalista professionista. Nel 2013 è tra i soci fondatori di Casa delle Agriculture Tullia e Gino ed è impegnata nel sociale da quando era adolescente, assieme agli amici fraterni che hanno dato vita all’associazione. È in quel gruppo dal civismo molto radicato che si è plasmata buona parte della sua personalità, idealista ma concreta. Ricopre la carica di presidente dal 2017, succedendo a Donato Nuzzo, passato al timone della cooperativa. Si è laureata in Giurisprudenza all’Università del Salento con una tesi in diritto amministrativo dal titolo “Contrasto allo spopolamento dei borghi: il ruolo delle amministrazioni e dei giudici”. Ha conseguito un master in comunicazione sociale presso l’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Lecce. Svolge attività giornalistica da 15 anni e dal 2010 è nella redazione di Telerama. Collabora con ilfattoquotidiano.it e con La Gazzetta del Mezzogiorno, occupandosi soprattutto di inquinamento ambientale, affaristico e criminale. È responsabile per la provincia di Lecce di Assostampa, il sindacato unitario dei giornalisti. Per Casa delle Agriculture continuerà a curare i rapporti istituzionali e quelli tra gli associati, il bilancio, l’ufficio stampa, il progetto “Vivaio dell’Inclusione Luigi Russo” e le politiche di restanza.